CORSO di FOTOGRAFIA ANALOGICA in CAMERA OSCURA

a cura di Filippo Bardazzi

È convinzione diffusa che la rivoluzione digitale abbia di fatto soppiantato la fotografia
analogica, relegandola a un’attività per snob e nostalgici. La realtà è invece ben diversa: la pellicola è viva e da qualche anno si assiste anzi a un continuo e progressivo ritorno di
interesse verso di essa, complici anche i bassi costi degli apparecchi “vintage” sul mercato e la resa finale delle immagini.
In questo laboratorio di 8 incontri andremo alla scoperta di un’idea di fotografia ben
più “artigianale” della sua evoluzione digitale e affronteremo le tecniche base per lo sviluppo e la stampa bianco e nero in camera oscura. Partendo dalle basi della fotografia approfondiremo il funzionamento della macchine analogiche e l’utilizzo delle diverse tipologie di pellicole e dei chimici utilizzati nelle diverse fasi.

LEZIONE 1
Introduzione alla fotografia analogica – La pellicola
Perché scegliere la fotografia analogica. La pellicola: metodo positivo-negativo, sensitometria, densità del negativo e tipi di pellicole.
2 ORE

LEZIONE 2
Uscita pratica e primi approcci con lo sviluppo fotografico
Accompagnati dal docente i corsisti si misureranno con lo scatto analogico in un’uscita per le vie della città. Rientrati in sede affronteremo assieme le pratiche basilari per il primo trattamento del film negativo.
4 ORE

LEZIONE 3
Lo sviluppo del negativo e prova pratica di sviluppo
Che cosa significa sviluppare una pellicola: i materiali e le tecniche. Come si carica un negativo nella tank e come si rende visibile l’immagine latente.
4 ORE

LEZIONE 4
Prova pratica di sviluppo II – Altre tecniche
Che cosa significa sviluppare una pellicola: pratiche e differenze tra le diverse tipologie di sviluppo.
4 ORE

LEZIONE 5
La stampa in camera oscura: teoria e pratica di base (rayogrammi + provini a contatto)
Dal negativo alla stampa su carta. L’attrezzatura necessaria, funzionamento di un ingranditore e dei componenti di una camera oscura. Il comportamento della carta fotosensibile.
4 ORE

LEZIONE 6
Prova pratica di stampa in camera oscura
Come si ottiene una copia positiva del proprio negativo: la stampa su carta.
4 ORE

LEZIONE 7
La stampa. Prova pratica II
Mascherature e bruciature: come ottenere il meglio dalla propria stampa fotografica.
4 ORE

LEZIONE 8
Tecniche avanzate di stampa
Esperimenti in camera oscura: solarizzazioni, chimigrammi, viraggi ecc..
4 ORE

ATTREZZATURA NECESSARIA
In possesso del corsista: macchina fotografica analogica, rullini.
In possesso del docente (a disposizione dei corsisti durante le ore di lezione):
tank per lo sviluppo, chimici per sviluppo e stampa, ingranditore, bacinelle, carta per la stampa fotografica.

Il corso si attiverà al raggiungimento di 4 iscritti
Numero massimo di partecipanti: 5

————————————————————————————————————————–

Durata: 30 ore (8 lezioni)
Costo: 320 euro
Giorno: domenica 18.00 – 22.00

Per l’iscrizione è necessario essere soci Arci!

————————————————————————————————————————–
Presentazione gratuita: domenica 21 ottobre ore 18.00

PER ISCRIVERSI ALLA PRESENTAZIONE GRATUITA CLICCARE IL LINK SOTTOSTANTE:

https://goo.gl/forms/s5brlV1iZIBkul1P2

————————————————————————————————————————–

Filippo Bardazzi (Prato, 1987) è giornalista e fotografo e fa parte del collettivo di fotografia documentaria SooS Chronicles. Al centro dei suoi lavori, quasi esclusivamente realizzati in pellicola, è il rapporto tra uomo e ambiente, con un interesse specifico verso i cambiamenti che coinvolgono passato e presente.
Con Standing Still (2013) rivolge il proprio interesse al West americano e alle sue rappresentazioni contemporanee, mentre La Grande Illusione (2015) documenta le estrazioni di gas non convenzionale in Europa. L’ultimo lavoro, Granitsa (2016), è invece dedicato alla comunità russa in Estonia. Questi ultimi due progetti sono rispettivamente tra i finalisti del Premio Marco Pesaresi 2015 e 2017.
Le sue immagini sono apparse su riviste italiane e internazionali (D – La Repubblica, Gente, La Stampa, Newsweek Japan, Financial Times) e hanno ottenuto premi e riconoscimenti in numerosi festival in Italia e all’estero (FoFu Phot’Art – Fucecchio, Rovinj Photodays, Atkins CIWEM – London, Photo Kathmandu, Riga Photomonth, Athens Photo Festival, Verzasca Foto Festival).
Parallelamente all’attività editoriale, tiene corsi in ambito fotografico per diverse realtà pubbliche e private ed è tra i soci fondatori dell’associazione culturale Sedici, con la quale contribuisce alla realizzazione di progetti di varia natura per la diffusione della cultura dell’immagine. Dal 2017 insegna le tecniche di stampa e sviluppo in analogica a L’appartamento.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.